Mompracem: il sito ufficiale


Vai ai contenuti

Stefano Silvestri

Chi siamo > I membri

STEFANO SILVESTRI
E-mail: stefanosilvestri@mompracemrock.com
Myspace: http://www.myspace.com/stefanosilvestri


Stefano Silvestri nasce a Livorno il 25 settembre 1983. E' il bassista del gruppo. I suoi primi approcci con la musica sono stati nel 1997 quando ha iniziato a suonare la chitarra e la lap-steel guitar, ma nel 1999 ha avuto una folgorazione sulla via del basso, e - senza mai abbandonare gli altri strumenti - ha iniziato a suonare e ad amare questo strumento, tanto da cimentarsi, di lì a qualche tempo, anche nello studio del contrabbasso. Attualmente, non può che dirsi entusiasta di essere allievo di maestri come Gabriele Evangelista ed Ares Tavolazzi. Dal punto di vista stilistico, gli piace attingere da tanti fonti diverse per poi preferire soluzioni non troppo elaborate che diano risalto al tocco e all'interpretazione, che sono le caratteristiche peculiari del suo modo di suonare. Dato che abbiamo parlato delle sue innumerevoli fonti (che sono anche suoi idoli), non resta che elencarle: Trevor Dunn, Chris Chaney, Justin Meldal-Johnsen, Michael Manring, Tony Levin, Benny Rietveld, Pino Palladino, Faso, Paolo Costa, Max Gelsi, Cesare Chiodo e, tra i contrabbassisti, Charles Mingus, Dave Holland, John Patitucci e Scott Lafaro. Dal punto di vista latamente musicale, adora band quali Mr. Bungle, Primus, Morphine, King Crimson, Medesky, Martin & Wood.
Intensissima la sua attività musicale: l'esperienza del passato cui è rimasto più legato sono sicuramente i due anni di militanza negli amati Uxbridge. Ad ogni modo, sono numerosi i gruppi cui ha prestato il suo servizio di bassista, come - solo per citarne alcuni - Michael's classroom (la sua prima band), Twin Pine Small e Unsifted.
Ama la filosofia, una passione di cui ha fatto un percorso di studi (è iscritto a Filosofia all'Università di Pisa): tra i suoi autori preferiti troviamo K. R. Popper, F. von Hayek, T. Adorno e L. Wittgenstein.
Cinefilo incallito, lo appassionano soprattutto i film dei fratelli Coen, di Tarantino, di Nolan e di Jarmush.
E' un amante del "rugby da poltrona" (nel senso che lo segue senza averlo, a causa del fisico troppo longilineo, pratico): per ragioni oscure ai più (e fors'anche a lui stesso), in questo sport tifa Galles.

Stefano Silvestri riflette
Stefano Silvestri

- - Aggiornato al 20 marzo 2012 - Realizzato da Francesco Naldi | mompracem@mompracemrock.com

Torna ai contenuti | Torna al menu